Abbiamo 104 ospiti e nessun utente online

casagiove.jpg
salva.jpg
Mimmo.jpg
Andrea.jpg
francesca.jpg
Mundo.jpg
ang.jpg
Placido.jpg
rosa.jpg
angela.jpg
Salvatore.jpg
edu.jpg
pla.jpg
salvatore 2.jpg
rosa2.jpg
andrea 1.jpg
mim.jpg
305220305_10224937290413121_4077327628231389110_n.jpg
312849776_10224935992700679_5955846241534989835_n.jpg
311450193_10224935980100364_1095097250287867836_n.jpg
a.jpg
previous arrow
next arrow
Shadow
Ho due fiocchi che mi accompagnano per 42 km.
Il nastro rosa è il simbolo della sensibilizzazione contro il cancro al seno, un modo per ricordarci che la prevenzione è il primo passo per sconfiggere la malattia.
Il fiocco rosso è, a pochi giorni dalla giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, un modo per non lasciare quel grido di denuncia fermo al 25 Novembre, ma portarlo avanti sempre, nel quotidiano.
Ed è così che questa voce si estende, oggi, al grido di @gretabeccaglia.
Non basta esprimere solidarietà nei suoi confronti.
Io esprimo indignazione, rabbia, e con lei denuncio e condanno questo comportamento vile e violento.
Perché una pacca sul sedere non è "un'esperienza che ti fa crescere".
No, all'inverso: è non minimizzare, è denunciare, è condannare che ci farà crescere.
Che renderà noi donne più consapevoli dei nostri diritti, più forti nell'esprimerli.
Perché è il momento di dire basta a uomini che si arrogano il diritto di violare la nostra intimità pensando che sia solo un gioco; di sentire fischi e ammiccamenti quando andiamo a correre in pantaloncini; di essere chiamate "uè bella" da uno sconosciuto.
Lo dobbiamo ai nostri figli, perché abbiano esempi migliori da emulare.
Lo dobbiamo alle nostre figlie, perché non provino mai il disgusto di subire una molestia.